bando per la gestione di 13 alloggi sfitti da destinare a famiglie in difficoltà

Nuovo bando di assegnazione a soggetti no profit di alloggi sfitti di proprietà comunale, nel quartiere Vigentino. Sono 13 appartamenti, tutti da ristrutturare, che si trovano tra largo Caccia Dominioni, via Ada Negri e via Ghini (Municipio 5), e che rientrano nel progetto “Risposte alle emergenze attraverso il recupero degli alloggi sfitti nei condomini misti”.

Le unità immobiliari, infatti, fanno parte di edifici originariamente di proprietà pubblica e in seguito parzialmente alienati che, oggi, vedono una proprietà mista e una gestione in amministrazione condominiale.

L’avviso pubblico è già on line sul sito del Comune di Milano e rimarrà aperto fino al 28 febbraio 2018. Possono partecipare soggetti giuridici che operano nel privato sociale e altri operatori del settore accreditati, disponibili a sperimentare nuovi modelli gestionali del patrimonio residenziale, che prevedano sia il preliminare intervento di riqualificazione e manutenzione straordinaria, sia la successiva gestione, con attenzione anche alle attività di accompagnamento sociale dei nuclei assegnatari.

Il soggetto vincitore del bando, infatti, avrà gli alloggi in concessione d’uso per un massimo di venti anni e, una volta ristrutturati, dovrà destinarli a nuclei familiari in condizione di disagio abitativo, in via prioritaria se gravata da procedure di sfratto esecutivo, in corso o appena effettuato. Cittadini che non hanno i requisiti per accedere alle graduatorie ERP ma che, nello stesso tempo, non riescono ad accostarsi nemmeno al mercato privato, troppo oneroso.

Le superfici utili degli appartamenti misurano da un minimo di 40 mq circa ad un massimo di 95 mq, e il canone di locazione non potrà essere superiore a 65 euro/mq annui, 20 dei quali dovranno essere corrisposti al Comune. Una quota di alloggi, il 10% del totale, sarà riservato a nuclei familiari in stato di necessità assoluta.

Si tratta del quinto bando di questo tipo, dopo quelli che hanno interessato le zone Niguarda, Giambellino/Lorenteggio, Turro/Precotto e Mecenate: 130 alloggi in tutto già concessi in diversi quartieri della città di cui la metà circa già assegnati alle famiglie, mentre per gli altri sono stati avviati i lavori di recupero.

SPORTELLO FAMIGLIA. APRE NEL MUNICIPIO 8 IL PRIMO PUNTO DI CONSULENZA DELLA CITTA’

Al via la sperimentazione prevista dall’accordo di collaborazione sottoscritto a giugno tra Comune e Inps

Apre giovedì 21 dicembre, presso il Centro di Aggregazione Multifunzionale del Municipio 8, in via Lessona 20, il primo “Sportello Famiglia” di Milano. Punto di consulenza per l’erogazione di servizi alla famiglia e a sostegno del reddito, questo “desk pilota” darà il via all’attivazione di ulteriori centri presso tutti i Municipi o altri spazi comunali destinati al contatto con i cittadini.

Prende così forma l’impegno previsto dall’accordo di collaborazione sottoscritto lo scorso mese di giugno dal Sindaco di Milano Giuseppe Sala e dal Presidente dell’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale (Inps) Tito Boeri, finalizzato all’attuazione di iniziative congiunte di promozione, progettazione e gestione di servizi all’utenza, nell’ambito di progetti di innovazione e semplificazione compresi nel programma di mandato 2016-2021.

A partire dal 21 dicembre, presso lo sportello sperimentale di via Lessona 20, i cittadini di Milano potranno avvalersi sia del supporto del personale del Comune sia di quello dell’Inps per ottenere informazioni e risposte alle proprie necessità. L’accordo, infatti, prevede una gestione integrata delle richieste da parte dei due enti, allo scopo di garantire un punto di riferimento certo, in grado di favorire la tempestività e l’efficacia dei servizi resi.

Sarà possibile rivolgersi al primo “Sportello Famiglia”, dal lunedì al venerdì, dalle ore 8.30 alle ore 12.30, per richiedere i seguenti servizi:

  • Rilascio di informazioni sul pagamento delle prestazioni previdenziali e assistenziali;
  • Stampa della certificazione unica;
  • Stampa dell’estratto conto contributivo;
  • Rilascio PIN (codice che consente a cittadini, enti, aziende e intermediari di accedere ai servizi telematizzati Inps);
  • Assegno al Nucleo Familiare;
  • Assegno familiare dei Comuni;
  • Bonus bebè;
  • Assegno maternità;
  • Reddito di Inclusione (REI);
  • Informazioni su misure di sostegno al reddito comunale.