ADOLESCENZA – Progetto Autostima per le adolescenti, da Milano a Roma

Dopo il ciclo d’incontri motivazionali in dieci scuole secondarie di primo grado di Milano, Progetto Autostima raccoglie l'adesione di Roma Capitale. La scelta del Comune di Milano nel 2013 di patrocinare il Progetto ha quindi aperto la strada a un percorso di supporto alle adolescenti che sta cogliendo risultati importanti. L’accettazione di sé, al di là dell'opinione altrui e degli standard di moda, a partire dagli aspetti relativi al corpo e all'aspetto esteriore, diventa un obiettivo gestibile per le giovanissime. L'attività di Progetto Autostima si svolge soprattutto dentro le scuole, ossia nel logo dove il confronto con i compagni mette quotidianamente alla prova il rispetto di sé. Progetto Autostima ha il supporto del marchio Dove, che ha scelto di parlare ai giovani in modo sano, per scommettere su una gestione non dannosa del condizionamento esercitato sugli adolescenti dai prodotti e modelli di bellezza. Nei primi mesi del 2014, in dieci scuole secondarie di primo grado del Comune di Milano, ragazze e ragazzi tra i 12 e i 14 anni sono stati coinvolti in un percorso di motivazione articolato in quattro incontri. Gli appuntamenti in aula sono stati realizzati dalle psicologhe dell’Associazione Accademia Pons, coordinate dal Dottor Mauro Grimoldi (già Presidente dell’Ordine degli Psicologi della Lombardia e oggi collaboratore dell’Assessorato alle Politiche Sociali e Cultura della Salute del Comune di Milano). Negli incontri si è creato un clima di fiducia che ha agevolato la libera espressione di pensieri e stati d’animo, anche coinvolgendo i ragazzi in esercitazioni, confronti e giochi di ruolo. La condivisione ha così mettendo messo in comune opinioni e timori, consentendo di raggiungere nuove consapevolezze e maggiori sicurezze. Oggi si stabilizza il passaggio verso la Capitale. Una fase di sperimentazione, con incontri pilota, è già stata avviata in alcune scuole medie di Roma, dove nuove classi aderiranno nei prossimi mesi. “Sei più bella di quello che pensi”: ecco il messaggio che questa nuova serie d’incontri vuole far emergere con forza, per incoraggiare le donne di ogni età a esprimere se stesse e il proprio potenziale, libere da modelli stereotipati. Da sempre Dove s’impegna a esaltare la bellezza autentica che risiede in ciascuna di noi, sostenendo la piena espressione di tutte le sfumature dell’animo femminile. Per, la bellezza autentica consiste nella possibilità, per ogni donna, di sentirsi bene col proprio corpo, indipendentemente dalla taglia, dall’età e dal colore della pelle. Attraversol'impegno in molti Paesi del Mondo, con il progetto di educazione all’autostima, ha già raggiunto 12 milioni di ragazze: l’obiettivo è raggiungere 15 milioni di giovani donne entro la fine del 2015. Progetto Autostima riprende e diffonde tra le più giovani i temi già promossi e sostenuti dalla Campagna per la Bellezza Autentica, lanciata dal brand nel 2000 per diffondere un concetto di bellezza più ampio, sano e democratico. Con questa seconda fase del progetto, si consolida la cooperazione tra pubblico e privato e con essa la possibilità di realizzare ambiziosi progetti comuni volti a migliorare la qualità della vita di tutti.

INCLUSIONE, STUDIO E STRANIERI – Scade il 30 ottobre 2014 il bando per realizzare supporti allo studio per giovani stranieri

Avviso per la realizzazione di progetti di supporto e sostegno allo studio finalizzati all’inclusione sociale di giovani stranieri che vivono nel territorio comunale, interessati al processo del ricongiungimento familiare. Iniziativa finanziata con fondi del Ministero dell’Interno, Politiche sociali cultura della Salute Termine di consegna offerte il 30/10/2014 Il D. Lgs. 286/98 prevede, in capo all’Ente Locale, l’attuazione di misure che favoriscono l’integrazione sociale dei cittadini stranieri presenti sul territorio. Il Comune di Milano ha dato corso, a far tempo dal 2012, al progetto “Implementazione del portale dell’integrazione e sua gestione sperimentale a livello locale”, sostenuto da finanziamenti ministeriali. Il progetto sperimentale si è favorevolmente concluso con il completo raggiungimento dei risultati progettuali, confermando di fatto la necessità di mettere a sistema i percorsi di accoglienza e di accompagnamento a sostegno delle persone coinvolte nel delicato e complesso processo del ricongiungimento familiare. In particolare con il presente Avviso si intende sostenere la realizzazione di interventi sul territorio di supporto e sostegno allo studio finalizzati all’inclusione sociale di giovani stranieri neo-ricongiunti con particolare attenzione alla fascia di età pre-adolescenziale. I progetti dovranno essere realizzati esclusivamente sul territorio della città di Milano. Possono presentare domanda: – gli Enti ed Associazioni iscritte al registro nazionale (ex art. 52 del DPR 394/99) – gli organismi del Terzo Settore/Privato Sociale operanti nell’area dell’immigrazione iscritti agli albi o registri di competenza, oppure Associazioni legalmente costituite che operino in maniera documentata da almeno due anni nel settore specifico degli interventi a favore degli immigrati. Le Associazioni che non siano iscritte in albi e/o delle rappresentanze delle comunità straniere potranno presentare progetti di finanziamento esclusivamente se costituite da almeno due anni dalla data di presentazione della domanda e dovranno allegare alla “Scheda Tecnica presentazione progetti” atto costitutivo, statuto e bilancio dell’ultimo anno. Requisiti di ammissibilità Possono essere presentati progetti per la realizzazione di interventi sul territorio di supporto e sostegno allo studio finalizzati all’inclusione sociale di giovani stranieri che vivono nel territorio comunale, interessati al processo di ricongiungimento familiare. I progetti presentati dovranno avere i seguenti requisiti: – avere durata massima di dodici mesi e essere avviati entro e non oltre un mese dalla data della lettera di comunicazione di accettazione del finanziamento; – riferirsi ad attività da realizzarsi nella città di Milano; – ogni Ente potrà presentare un solo progetto e dovrà documentare una pregressa attività almeno biennale nel campo specifico del ricongiungimento familiare oppure che operino in maniera documentata da almeno due anni nel più generale settore degli interventi a favore degli immigrati. I progetti dovranno essere presentati utilizzando esclusivamente la “SCHEDA TECNICA PRESENTAZIONE PROGETTI” firmata in originale. Avviso e modulistica per la presentazione dei progetti sono scaricabili a fondo pagina. La scheda tecnica è inoltre reperibile presso la Direzione Centrale Politiche Sociali e Cultura della Salute – Servizio Servizi per gli Adulti e Politiche per l'Immigrazione – Via San Tomaso 3 – 20121 – Milano (tel. 02.88467581) o richiedibile via mail al seguente indirizzo: PSS.AdultiPoliticheImmigrazione@comune.milano.it. La “SCHEDA TECNICA PRESENTAZIONE PROGETTI” dovrà essere inoltrata, in busta chiusa, per posta o a mano all’Ufficio Protocollo della Direzione Centrale Politiche Sociali e Cultura della Salute – L.go Treves, 1 – 20121 Milano – orari di apertura: dal lunedì al Venerdì dalle ore 8,30 alle 12,00 – dalle 13,45 alle 15,15 – entro e non oltre le ore 12.00 del giorno 30 ottobre 2014. Sulla busta contenente al domanda dovrà essere riportata la denominazione dell’Ente e la dicitura “AVVISO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI DI SUPPORTO E SOSTENGO ALLO STUDIO FINALIZZATI ALL’INCLUSIONE SOCIALE DEGLI STRANIERI CHE VIVONO E LAVORANO NEL TERRITORIO COMUNALE, COINVOLTI NEL DELICATO E COMPLESSO PROCESSO DI RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE”. Nel caso di invio tramite servizio postale, non farà fede il timbro postale, ma esclusivamente la data di ricevimento da parte dell’Ufficio Protocollo. Il Comune di Milano – Direzione Centrale Politiche Sociali e Cultura della Salute – Servizio Servizi per gli Adulti e Politiche per l'Immigrazione procederà, successivamente alla fase istruttoria e di valutazione dei progetti del presente Avviso, ad informare gli Enti partecipanti sugli esiti dell’istruttoria inviando formale comunicazione. Per eventuali ulteriori informazioni e chiarimenti è possibile contattare la Direzione Centrale Politiche Sociali e Cultura della Salute – Servizio Servizi per gli Adulti e Politiche per l'Immigrazione – referente dr.ssa Giancarla Boreatti (tel. 02.88467580).

LAVORO. Detenuti tutor insegnano ai milanesi a cucire, stampare e creare moda

Imparare a cucire, stampare oltre a creare i propri capi d’abbigliamento e accessori con l’aiuto dei detenuti milanesi, questo l’obbiettivo de L’HUB. Il primo laboratorio aperto a tutte le persone che desiderino vivere un'esperienza tessile presso AIR, Acceleratore d’Impresa Ristretta in viale dei Mille 1 angolo piazzale Dateo. Uno spazio di 200 mq e 5 vetrine su strada, nato da un’idea del Comune di Milano, che coinvolge il Provveditorato alle Carceri e 15 realtà imprenditoriali oggi diventate 23, che vuole commercializzare e far conoscere alla cittadinanza quanto di meglio viene realizzato e prodotto dai detenuti di Bollate, Opera, San Vittore e Beccaria. “Un nuovo spazio-laboratorio che amplia la gamma di progetti portati avanti AIR, Acceleratore d’Impresa Ristretta, la vetrina per le imprese che in questi anni hanno prodotto attività imprenditoriali di eccellenza all’interno delle case circondariali di Milano”. Cosi commenta Cristina Tajani, assessore alle Politiche del Lavoro e allo Sviluppo economico del Comune di Milano. “Come Amministrazione – conclude l’assessore- siamo impegnati a costruire reti tra soggetti economici, anche quelli collocati ai ‘margini’, poiché questi sono in grado di contribuire allo sviluppo della città, realizzando produzioni di qualità e occasioni di inserimento lavorativo per gli addetti reclusi.” Il laboratorio L'HUB, ideato da Barbara Zucchi, offre l'opportunità di realizzare manufatti di design in modo semplice e divertente attraverso corsi di cucito a mano e a macchina, stampa a mano su tessuti, tie&dye, tintura con i colori naturali, feste-laboratorio per grandi e piccoli, aperitivi tessili nel segno della creatività e dell’artigianalità. Dal 2001, inoltre, il progetto L'HUB è impegnato nella formazione in ambito tessile di persone recluse nel carcere di Opera e nella loro preparazione al mercato del lavoro. I detenuti formati hanno l'opportunità di realizzare cravatte e shoppers, in vari tessuti, commissionate da imprese della moda italiana. Nello store di Viale dei Mille, L'HUB metterà in vendita capi ed oggetti , pezzi unici, realizzati nelle case circondariali. Obiettivo prioritario della collaborazione tra L’HUB e l'Acceleratore Imprese Ristrette è formare detenuti che possano usufruire della semilibertà o dell'articolo 21 affinché diventino essi stessi tutor dei corsi realizzando così un concreto percorso di inclusione e recupero. Lo spazio di Viale dei Mille consente attualmente a 23 diverse realtà imprenditoriali, a rotazione, di esporre e vendere i propri prodotti e servizi. Dalla manutenzione del verde e coltivazioni floro-vivaistiche ai lavori di falegnameria, sartoriali e pelletteria; dai servizi di call center e data entry a quelli di ristorazione, banqueting e catering, passando dalla realizzazione di impianti e quadri elettrici fino alla creazione di mobili ecosostenibili, scenografie e produzioni video e la creazione di capi d’abbigliamento e accessori. La finalità dell’Acceleratore d’Impresa Ristretta consiste nell’agevolare i contatti tra imprese carcerarie, imprese esterne e cittadini, nell’ottica di considerare le carceri quali “siti produttivi” e veri e propri incubatori d’impresa. In allegato la foto dell'Assessore Cristina Tajani con Barbara Zucchi ideatrice del progetto L'HUB oltre ad alcuni prodotti realizzati.

TEMPO LIBERO. Milano capitale dello spettacolo urbano

Milano, nei prossimi giorni, sarà la capitale europea dello spettacolo urbano. Sbarca, per la prima volta in città, ‘Open Street’, vetrina internazionale dell’arte di strada. Dal 9 al 12 ottobre più di 100 spettacoli, messi in scena da 20 compagnie di 9 diverse nazionalità selezionate dai direttori dei più importanti festival europei e 30 compagnie accreditate di 14 Paesi differenti composte da validi professionisti dello spettacolo urbano. Un mix strabiliante di culture e di show dall’elevata qualità artistica che riempirà di magia l’asse piazza Duomo-parco Sempione dalle 17 alle 24. Tre street band itineranti faranno da contorno alla più grande vetrina continentale dell’arte di strada, cui si aggiungeranno le 40 esibizioni al giorno, su 10 postazioni – da piazza Mercanti al Castello – degli artisti selezionati per la piattaforma milanese di Strad@aperta (il servizio per la gestione della turnazione delle libere espressioni dell’arte di strada nelle città). “Fino al 2011 a Milano esibirsi in strada era vietato, ostacolato, sanzionato non regolamentato – dichiara l’assessora al Tempo libero, Benessere e Qualità della Vita Chiara Bisconti – oggi ogni giorno decine di artisti si esibiscono liberamente potendo contare su una piattaforma di prenotazione online aperta a tutti. In due anni Milano è diventata una delle capitali dell’arte di strada e questa vetrina internazionale è il miglior riconoscimento al lavoro svolto da chi ha creduto in questa trasformazione. È un esordio assoluto per Milano, un grande onore per noi e una splendida occasione di svago per cittadine e cittadini”. "Il Castello Sforzesco si trasformerà dal 9 al 12 ottobre in un palcoscenico a cielo aperto per moltissimi artisti provenienti da tutto il mondo diventando il cuore di Open Street, una manifestazione che coinvolgerà diversi luoghi della città accogliendo le più varie espressioni artistiche, dalla musica al teatro, con un approccio il più aperto ed inclusivo possibile” ha dichiarato l'assessore alla Cultura Filippo Del Corno. Ogni giorno, oltre agli show in programma – da vivere in 7 postazioni differenti con un unico biglietto – c’è un appuntamento speciale, che permetterà al pubblico di conoscere da vicino importanti performers. Si tratta di Open Street Forum che, dalle 16, nel Cortile della Rocchetta vedrà gli spettatori alla scoperta delle vite straordinarie degli artisti della Banda Osiris (il 10 ottobre), di Parada (11 ottobre) e di Leo Bassi (12 ottobre). Tutto il programma è su www.openstreet.it La manifestazione accoglie anche le eccellenze dello street food. Si potranno assaporare on the road i piatti di “Mangiari di Strada”, in cui lo street-chef Giuseppe Zen e il suo staff propongono una miriade di menu che nascono da prodotti e materie prime biologiche e dai più disparati angoli dello Stivale. Un viaggio nel gusto e nella ricerca delle tradizioni culinarie, quelle che sono più a contatto con il vissuto e con la storia delle diverse culture gastronomiche. A impreziosire il cibo di strada di Open Street, il birrificio piemontese Baladin, nato dall’intraprendenza dell’artista-birraio Teo Musso. Agli spettacoli si aggiungono ogni giorno, a partire dalle 16 nell’area Castello aperta a tutto il pubblico, incontri e dibattiti con grandi personaggi del mondo della cultura. Da segnalare la presenza della Banda Osiris, Parada (un’associazione di volontariato nata nel 2006 dall’evoluzione della campagna “Un naso rosso contro l’indifferenza”, a sostegno dei bimbi che vivono in strada a Bucarest) e la straordinaria presenza dello spagnolo Leo Bassi, conosciuto nel mondo per i suoi stravaganti spettacoli teatrali ed azioni provocatorie, dallo spirito irriverente e cosmopolita. Tanti, inoltre, gli appuntamenti all'Expo Gate. Da giovedì a domenica – dalle 10 alle 20 – c’è l’installazione di macchine-gioco “Suoni in Gioco”, in spazio Sforza. In piazza Expo Gate, da non perdere il 3D street painting. Solo sabato 11 ottobre, alle 16, c’è la performance di pattinaggio creativo per la campagna di raccolta fondi Nastro Rosa 2014 di LILT. Tutti gli incontri, le installazioni, le mostre e gli eventi sono gratuiti. Per gli spettacoli con posti a sedere (200 posti da prenotare, più altri liberi da prenotazione) è necessario il biglietto d’ingresso (giornaliero 10 euro a persona – tessera per 4 giorni 25 euro, che permette di partecipare agli oltre 100 show in programma. Ci sono inoltre sconti per bambini e under 30). In caso di pioggia gli spettacoli si terranno sotto 2 tensostrutture con vendita biglietti fino al limite della disponibilità dei posti. OPEN STREET – Vetrina Internazionale dell’Arte di Strada – è un’iniziativa promossa dal Comune di Milano e da Open Street aisbl nell’ambito di Milano Cuore d’Europa, realizzata in collaborazione con la FNAS, Federazione Nazionale Arte di Strada, Il Giorno e Disco Radio.

SALUTE. Al via campagna di vaccinazione straordinaria contro papilloma virus

Al via la campagna per la vaccinazione contro il papilloma virus per le ragazze nate nel 1998 e 1999 che, all’età di 11 anni, non hanno aderito alla campagna della Asl perdendo la possibilità di essere sottoposte gratuitamente alla somministrazione del vaccino. Da questo mese contattando uno degli ambulatori della Croce Rossa (Comitato Provinciale Milano) potranno fissare un appuntamento ed effettuare la vaccinazione. L’iniziativa è realizzata dal Comune di Milano in collaborazione con Asl Milano, i Rotary Milanesi, Istituto Europeo di Oncologia, Croce Rossa (Comitato Provinciale Milano) che due anni fa hanno sottoscritto un protocollo di intesa e con il coinvolgimento dell’Ufficio Scolastico Territoriale di Milano che provvederà a diffondere le informazioni sulla campagna in corso. L’accordo con il Comune prevede l’impegno con Fondazione Rotary Club Milano per Milano a finanziare l’acquisto di cicli vaccinali, acquistati da Croce Rossa su indicazione di Ieo. Le vaccinazioni saranno effettuate dalla Croce Rossa nei propri ambulatori con personale medico-infermieristico specializzato che seguirà le modalità in uso nelle anagrafi vaccinali, monitorando le eventuali reazioni avverse. e le modalità per rispondere all’invito. “Questo ciclo straordinario di vaccinazioni consente alle famiglie delle ragazzine che anni fa non hanno aderito alla campagna ordinaria di Asl di poterla effettuare ancora gratuitamente”, spiega l’assessore alle Politiche sociali e Cultura della Salute, Pierfrancesco Majorino. “Riteniamo sia importante non solo offrire alle ragazzine questa nuova possibilità, ma rafforzare ulteriormente l'invito alle famiglie a sottoporre al vaccino le proprie figlie fin dall’età di 11 anni, come previsto dalle campagne ordinarie di Asl”. “Un ringraziamento particolare va ai Rotary milanesi – aggiunge l’assessore Majorino – che, attraverso la Fondazione Rotary Club Milano per Milano, hanno contribuito al finanziamento delle campagne di vaccinazione 2013 e 2014. ”. “Promuovere la partecipazione e il coinvolgimento della Scuola ai programmi preventivi, in stretta collaborazione con il personale delle ASL e gli Enti Locali in un’ottica di prevenzione di fattori di rischio, rimane uno degli impegni fortemente sentiti dall’Ufficio Scolastico” afferma il Dirigente dell’UST, Dott. Marco Bussetti, “L’importanza di promuovere e sostenere stili di vita e ambienti favorevoli alla salute chiama in causa una molteplicità di attori e di istituzioni e tra queste la Scuola è certamente quella fondamentale. In tal senso lo sguardo d’azione nel contesto scolastico si è molto ampliato rispetto al tradizionale concetto “educazione alla salute” implicando infatti un approccio globale di politiche per una scuola sana, ambienti scolastici come luoghi di benessere fisico e sociale, curricula educativi per la salute, collegamenti e attività comuni con altri servizi rivolti alla cittadinanza e con i servizi sanitari.” Il cancro al collo dell’utero, dopo il tumore al seno è in Europa, la seconda causa di morte per le donne tra i 14 e i 44 anni. Soltanto in Italia ogni anno muoiono circa 1.000 donne, 3 ogni giorno. Questo carcinoma è causato dall’infezione del papilloma virus. Per maggiori informazioni consultare il sito www. asl.milano.it

ADOTTA UN NONNO – Anziani e bambini pranzano insieme

Le scuole primarie di Milano che aderiranno al progetto "Adotta un nonno" ospiteranno a pranzo gli anziani del quartiere. Un'iniziativa contro la solitudine realizzata dal Comune di Milano (Assessorato alle Politiche sociali e Assessorato all'Educazione e Istruzione) in collaborazione con Milanoristorazione. Si inizierà con 25 anziani per arrivare ad almeno 500. Per ora sono state contattate diciannove scuole. In nove hanno già detto di sì.

EDUCAZIONE. Comune, 400 mila euro per cablatura e wi-fi nelle scuole milanesi

“Scuola 2.0 – La scuola digitale a Milano!”: questo l’obiettivo dell’Amministrazione che ha dato il via ad un piano di cablatura e copertura wifi delle scuole primarie e secondarie di primo grado della nostra città. Si parte con 30 istituti entro dicembre, poi, il progetto prevede l’estensione progressiva sino ad arrivare a 250 scuole in due anni. 400 mila euro l’investimento del Comune. “Grazie a questo progetto – ha detto Francesco Cappelli, assessore all’Educazione e Istruzione – possiamo moltiplicare i servizi. Ad esempio renderemo più semplice lo scambio di informazioni tra scuole e tra queste e le famiglie. Questo significa anche incrementare i livelli di partecipazione e condivisione dei programmi”. Il progetto scuole prevede più fasi: la prima fase consiste nel cablaggio di tutte le scuole per i servizi dei laboratori di informatica e per i servizi dati delle segreterie. Ciò consentirà fin da subito un risparmio per ogni scuola mediamente di circa mille euro l’anno (gli abbonamenti per i provider), poiché il servizio sarà garantito dalla rete campus del Comune di Milano. Partendo dalle rete campus 2 del Comune di Milano, che già adesso raggiunge in fibra ottica ciascun istituto scolastico, verrà estesa la connettività dati a tutte le scuole. Ciò consentirà di attivare una serie di servizi per la didattica, per l'amministrazione e per l'integrazione culturale tramite un’unica piattaforma web che metterà in collegamento, in modo omogeneo, gli studenti, i docenti, i genitori, i dirigenti scolastici, le associazioni, gli enti pubblici. Verrà anche incrementato il livello di sicurezza informatica e saranno potenziate le infrastrutture centralizzate di gestione e sicurezza informatica per una maggiore tutela degli utenti e sarà possibile l’interconnessione di tutte le scuole tra loro e con i servizi comunali. È previsto anche un adeguamento delle infrastrutture degli edifici scolastici con interventi mirati sul cablaggio e sulla rete Wi-fi. In questo modo si potranno estendere i servizi ad ogni singola classe, e sarà possibile anche lo sviluppo delle applicazioni centralizzate e di nuove metodiche didattiche. Dal punto di vista educativo, l’informatizzazione delle scuole faciliterà la cooperazione scuola – famiglia offrendo un migliore supporto a tutti gli studenti ma in particolare agevolerà il diritto allo studio agli studenti con disabilità e ai loro insegnanti e un supporto agli studenti assenti per lunghi periodi a causa di malattie. Sarà migliorata anche l’integrazione degli studenti e delle comunità straniere grazie al supporto a politiche di integrazione multiculturale. La nuova rete informatica permetterà la produzione e la diffusione di contenuti digitali autoprodotti da insegnanti e studenti, la diffusione di contenuti on-demand per l'aggiornamento professionale, lo sviluppo di blog e di wikis (wikipedia in ambito scolastico) per la condivisione dei contenuti e dei progetti culturali e la sperimentazione di nuove metodiche didattiche che coinvolgano gli studenti, oltre che l’accesso a tutte le risorse culturali presenti sul web. Unify ha inoltre realizzato, a proprie spese, l’infrastruttura di comunicazione per le prime 14 sedi scolastiche.

Un bando europeo per nuove iniziative a tutela dei minori al di là dei confini nazionali

La Commissione Europea DG Giustizia ha pubblicato un bando per sostenere progetti trasnazionali sui diritti del minore nei procedimenti giudiziari. La scadenza per la presentazione dei progetti pilota è fissata per l'11 dicembre 2014 Maggiori informazioni: http://ec.europa.eu/justice/grants1/files/2014_jppi_ag_chil/just_2014_jppi_ag_chil_call_notice_en.pdf

PIAZZA CASTELLO. Fino al 31 ottobre sul sito del Comune i cittadini scelgono progetti di architettura partecipata

Tutti i cittadini possono dare il loro contributo per decidere come diventerà piazza Castello nel 2015. Dal 1° ottobre sul sito del Comune di Milano (all'indirizzo http://www.comune.milano.it/dseserver/piazza_castello/index.html) sono pubblicati gli undici progetti di architettura elaborati durante il percorso partecipato condiviso con i cittadini, voluto dall’Amministrazione, organizzato insieme a Triennale Milano. Nel momento in cui l’Amministrazione dovrà scegliere i progetti da realizzare sarà considerata con attenzione l’opinione dei cittadini emersa dalla consultazione online, insieme anche ad altri parametri di giudizio come la fattibilità, la sostenibilità economica, l’impatto sul contesto e la rapidità di esecuzione dei lavori. Sono in programma quattro momenti di discussione pubblica sui progetti da realizzare in piazza Castello. A Palazzo Marino la Commissione Ambiente si riunisce mercoledì 8 ottobre (ore 13 – 14.30). In Consiglio di Zona 1 sono previste tre commissioni: venerdì 10 ottobre (ore 19-21), lunedì 13 ottobre (ore 19-21) e mercoledì 22 ottobre (ore 19-21). Gli undici progetti elaborati degli studi di architettura verranno esposti alla Triennale dal 6 al 30 novembre.

SPORT. Le nuove gratuità e riduzioni per gli impianti comunali

Un’offerta diversificata e flessibile. Per la prima volta ingresso gratuito per i bambini fino a 5 anni e gli over 65 a basso reddito; sconti per gli under 25 e le famiglie. Riduzioni per società sportive, scuole, università e associazioni per persone con disabilità. Adeguate le tariffe ferme da 12 anni. Dal prossimo 6 ottobre cambiano le tariffe degli impianti sportivi pubblici milanesi ferme da ben 12 anni. Ma gratuità, sconti e agevolazioni vengono introdotte per la prima volta per promuovere l’attività sportiva continuativa, lo sport in famiglia e per i più piccoli. Per gli over 65 infine vengono introdotte tariffe agevolate o addirittura la completa gratuità a seconda del reddito. In primo luogo, l’Amministrazione ha deciso la completa gratuità in tutti i 26 impianti sportivi (dalle piscine ai campi da calcetto o tennis e fino alle palestre) per i bambini fino ai 5 anni non compiuti e per le persone di età pari o superiore ai 65 anni con reddito Isee pari o inferiore a 6.500 euro lordi annui. Altra novità è l’ingresso a tariffa ridotta (4 o 5 euro a seconda dell’impianto) per i giovani dai 5 ai 25 anni, nonché per persone di età pari o superiore ai 65 anni con reddito Isee compreso tra i 6.500 e 18.000 euro lordi annui. L’Amministrazione ha anche deciso di promuovere l’utilizzo di alcuni impianti situati in periferia attraverso tariffe convenienti. Allo stesso modo sarà più economico fare sport in alcuni impianti in fasce orarie oggi meno frequentate. Infine particolare attenzione è stata posta per promuovere l’attività sportiva continuativa, ampliando l’offerta degli abbonamenti con l’introduzione delle tessere trimestrali, semestrali, settimanali e i carnet da 11 ingressi. Sconti sono previsti anche per le associazioni sportive e totale gratuità è stata decisa per gli accompagnatori di persone con disabilità, come richiesto dalle associazioni. Anche alla luce degli adeguamenti per chi non accede alle tariffe agevolate, gli ingressi restano inferiori del 30% rispetto all’offerta dei privati oggi presente sul mercato e comunque inferiore all’adeguamento Istat. “Vogliamo difendere l’accesso pubblico allo sport, il diritto dei cittadini a trovare impianti comunali a prezzi più bassi dei privati e migliorare la qualità del servizio – afferma Chiara Bisconti, assessora allo Sport, Benessere e Qualità della Vita -. Questo continuiamo a fare anche di fronte alla necessità di adeguare le tariffe ferme da 12 anni. Milano è la città italiana con più piscine pubbliche, ben diciannove. In tutti gli altri capoluoghi gli impianti sono convenzionati, affidati a gestioni ‘terze’. Se vogliamo difendere lo sport pubblico dobbiamo anche favorire i praticanti assidui: con questo modello chi più fa sport paga meno. E chi è più debole è tutelato”. Per facilitare la comprensione del nuovo piano tariffario, Milanosport ha suddiviso in tre fasce (Verde, Gialla, Azzurra) i diversi importi: tariffa verde – intero; tariffa gialla – ridotta; tariffa azzurra – associazioni e federazioni. Ecco, in sintesi, le principali novità: PISCINE COPERTE: – Gratuità nelle fasce 0-4 e over 64 con reddito Isee inferiore o pari a 6.500 euro lordi annui ingresso gratuito anche per associazioni ed enti che si occupano di disabilità. – Tariffa gialla, ovvero ridotta per gli utenti di età compresa tra i 5 e i 25 anni e per gli over 64 con reddito Isee compreso tra i 6.500 euro annui e i 18.000 euro lordi annui: 4 euro in 11 piscine tranne Solari, Procida, Cozzi e Bacone (impianti dotati di maggiori servizi dove l’ingresso costerà 5 euro). – Gli altri utenti pagheranno la tariffa verde, ovvero intero, che sarà di 6 euro in tutti gli impianti, tranne Solari, Procida, Cozzi e Bacone il cui ingresso è fissato a 7 euro. ATLETICA: per tutti i tesserati Fidal non ci sono variazioni. L’ingresso per l’utenza libera passa da 3,20 euro a 4 euro nel caso di biglietto intero, 2,50 per under 26 e over 65. Il carnet di 11 ingressi scontato costa 25 euro, 40 l’intero. Arriva l’abbonamento settimanale (per singolo impianto) che costa 16 euro (intero) e 10 euro (scontato). Arrivano anche gli abbonamenti annuali, semestrali e trimestrali rispettivamente di 220, 150 e 80 euro. Grazie agli abbonamenti, quindi, gli appassionati potranno spendere meno di adesso. TENNIS: un’ora di tennis in un campo coperto passa da 13,50 a 16 euro. Società sportive, scuole, associazioni pagano la metà: 8 euro. Nei giorni festivi un’ora a tariffa piena costa 19 euro, 9,50 quella ridotta. Nei campi in terra rossa si passa da 14,50 a 19 euro, 23 euro nei giorni festivi. La tariffa ridotta (scuole, università, associazioni, federazioni, società sportive) sarà di 9 euro (oggi costa 14 euro). I campi da tennis pubblici sono gli unici in città dove è possibile giocare anche non possedendo una tessera associativa. CALCETTO: un’ora di calcetto a 5 nei campi comunali continuerà a costare 40 euro, 55 euro il sabato e la domenica. La tariffa ridotta per scuole, associazioni, federazioni è di 20 euro nei giorni feriali e di 25 in quelli festivi. Calcio a 7: da 40 a 60 euro nei campi al coperto nei giorni feriali (80 nei festivi); da 20 a 40 euro nei campi scoperti (60 nei festivi). I prezzi rimangono concorrenziali rispetto al privato, in media del 30% in meno.