PROGETTO “COMUNICAMI 2.0” AVVISO PUBBLICO

è pubblicato sul sito del Comune di Milano l’AVVISO PUBBLICO FINALIZZATO ALLA INDIVIDUAZIONE DI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE PER LA SUCCESSIVA CO-PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DEL PROGETTO “COMUNICAMI 2.0” DEL COMUNE DI MILANO, PER LA PROMOZIONE E DIFFUSIONE DELLE INIZIATIVE RELATIVE ALLA PROSECUZIONE DEL VI° PIANO INFANZIA E ADOLESCENZA PREVALENTEMENTE ATTRAVERSO IL SITO WEB “MILANOFAMIGLIE”

termine di consegna della domanda di partecipazione  il 28/12/2017

Il progetto “ComunicaMi 2.0” ha la finalità di far conoscere il sistema di attività e di azioni che il Comune realizza per le famiglie, per le bambine e i bambini, per le ragazze ed i ragazzi attraverso il VI° Piano infanzia, progettato grazie alla disponibilità dei fondi della Legge 285.

Si intende pertanto avviare la co-progettazione per identificare un partner competente a promuovere la diffusione e la conoscenza delle iniziative del VI° Piano Infanzia e Adolescenza e quindi a realizzare un’attività di comunicazione e informazione relativa ai servizi per minori e per le famiglie di Milano attraverso:
· l’uso e l’implementazione del sito web www.milanofamiglie.it nonché delle altre forme tipiche della comunicazione 2.0 e dei principali social network;
· l’uso di testi stampati (manifesti, cataloghi, poster, volantini, locandine, brochure, ecc..) e loro diffusione;
· l’organizzazione di eventi nelle periferie con il coinvolgimento dei ragazzi dei quartieri:
· l’organizzazione di un evento entro giugno 2018 nelle forme concordate con l’Assessorato alle Politiche Sociali che ponga particolare attenzione al tema del valore delle azioni antidiscriminatorie e della promozione della cultura dei diritti di cittadinanza
· lo sviluppo e la diffusione di una cultura per il riconoscimento della famiglia come istituzione sociale;
· la diffusione di buone prassi e di informazioni agli utenti per indirizzarli ai servizi competenti a seconda dei loro bisogni

Il sito web quale strumento primario di comunicazione/informazione rappresenta una risorsa strategica da sviluppare. Esso dovrà facilitare la comunicazione, il flusso di informazioni, l’ascolto e lo scambio con i cittadini e parallelamente dovrà dialogare con le associazioni come punto di snodo informativo e di servizio per tutti gli stakeholder del mondo dell’infanzia, dell’adolescenza e quindi anche della famiglia.

Sono invitati a manifestare la loro disponibilità alla co-progettazione tutti i soggetti del Terzo settore, secondo quanto previsto dall’art. 1, comma 5, della L.328/2000 e dall’art 2 del DPCM 30 marzo 2001, che, in forma singola o di raggruppamento temporaneo, siano interessati ad operare nell’ambito di cui al precedente articolo del presente avviso

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *